ARTICOLI


Una birra con Ciccio / 14

Ragusarugby, 28 gennaio 2015

 
Due chiacchiere suLLA SERIE B DI RUGBY con l’esperto dEL CAMPIONATO CADETTO (e di birre), Ciccio Schininą.

image

Ciccio, l’anno scorso 41-14, domenica 46-10. A Napoli il Padua rimedia sempre batoste.
Al di là dei diversi valori in campo, è come se a Napoli ci fosse un vero e proprio blocco. Nel primo tempo abbiamo commesso un sacco di errori incredibili e non eravamo mentalmente in partita, nemmeno sul nostro vantaggio. È anche vero che da venerdì fino al momento del riscaldamento ci è successo di tutto. Però dovevamo comunque portare a casa almeno un punto.

Com’è l’umore dei ragazzi, del coach, della società?
L'umore non è buono perché sappiamo di aver giocato un primo tempo orribile che ha compromesso tutto, però c'è consapevolezza nei propri mezzi, sappiamo che quando abbiamo voluto giocare in 15, pensando ognuno al nostro compito, abbiamo fatto vedere buone cose. Ripartiamo da lì cancellando dalle nostre menti questa partita.

E questa birra, com’è?
Le sconfitte mi appiattiscono un po’ la verve...però una birra di livello la troviamo. Ti propongo una Dead Pony Club degli scozzesi del birrificio Brewdog, un’American Pale Ale a bassa gradazione alcolica (3,8°), perché ‘sta settimana ci dobbiamo tenere belli lucidi, che però ci regala luppolature freschissime e agrumate con un bel finale amaro e secco che ci costringerà a berne una decina...;-)

Adesso non esageriamo… Dimmi invece delle altre due partite del girone che hanno visto due successi per le squadre ospiti: la sorpresa Svicat che ha vinto a Reggio e la conferma del Colleferro che ha battuto la Capitolina. Che mi dici?
Mi aspettavo grande equilibrio a Reggio e mi aspettavo la vittoria di un Colleferro che domenica scorsa ho visto davvero in palla. Con quella linea mediana lì non rischia nulla. Tornando alla sfida di Reggio, non definirei la Svicat una sorpresa; quando riesce a tenere i punteggi bassi e ad abbassare il ritmo della partita la spunta sempre, affidandosi alla mischia (davvero ottima) e al piede fatato di Peens.

Ciccio, facciamo un ragionamento: Reggio ha battuto il Padua, lo Svicat ha battuto Reggio, quindi i leccesi batteranno il Padua. Non credi che si mette male per la tua squadra?
Se i tuoi ragionamenti fossero veri, noi non saremmo mai andati in B, l’anno scorso non ci saremmo salvati e lo sport sarebbe di una noia mortale.

Probabilmente hai ragione tu. Domenica però si giocata la partita della verità. Se la tua squadra non batte la Capitolina è già con un piede in C1. Sei d’accordo?
Quella di domenica è una gara fondamentale: bisogna vincere per mettere punti, fiducia e per accorciare la classifica. Dobbiamo tenere più squadre possibili invischiate nella lotta per salvarsi.

Nella Poule Promozione, Messina continua ad essere batostata, prima in casa, adesso a Frascati. Che sta succedendo alla squadra del nostro amico Arena?
Non ne ho idea, stanno faticando più del dovuto ad entrare in questa fase del campionato. Mi aspettavo un Messina con almeno 4 punti in classifica. C’è da dire che Frascati è un campo difficile, Livio Paladini è un grande coach che guida magistralmente un gruppo giovane e pieno zeppo di qualità. La sconfitta ci sta. Quello che non ci sta sono le 0 mete fatte in due partite. Spero rialzino la testa subito, hanno qualità e mezzi per farlo.

Benevento che vince in casa dell’Amatori Catania e la Primavera che batte il Cus Roma possiamo definirle due sorprese?
Assolutamente no! Amatori-Benevento, cosi come nei due precedenti incontri in Poule Uno, è stata una partita equilibratissima dove ha vinto chi ha sbagliato meno e ci ha creduto di più. La Primavera gioca un gran bel rugby, a Messina ha letteralmente annichilito l’Amatori e non dimentichiamo che quella col CUS Roma è per loro una partita dai sapori particolari, un derby molto sentito.

Andiamo ai pronostici, anche se mi pare che in questo non è che ci azzecchi tanto. La scorsa settimana ne hai sbagliati 3 su 6. E l’unico che hai centrato in pieno è stato proprio quello del Padua. Quindi fai attenzione a quello che mi dici adesso.
Un buon 50%, no? Per un attimo consentimi di diventare serio sulla storia dei pronostici: quando buttiamo giù queste quattro righe lo facciamo con il piacere di parlare di rugby con leggerezza, ironia e una buona dose di onesto cazzeggio. Ricevere una telefonata, da un numero sconosciuto, da un gruppetto di giocatori della Primavera per insultarmi in relazione al pronostico fatto sul match Primavera-Cus Roma (avevo pronosticato un 2 a 5) mi ha lasciato davvero l’amaro in bocca perché vuol dire che si è perso il senso delle cose. Reagire con astio al nostro metterci in gioco con pronostici e quan’altro dovrebbe solo stimolarci a parlare ancora più di rugby. Ma non possiamo fermarci certo per questo, quindi mi presto ancora alle tue richieste.
Svicat - Partenope 4 a 1
Colleferro - Reggio Calabria 4 a 0
Amatori Messina - Amatori Catania 1 a 4
Frascati - Primavera 4 a 1
Cus Roma - Benevento 1 a 4

Vedo che manca il Padua. Hai forse paura che un gruppetto di giocatori paduini ti chiami per insultarti?
Non si sa mai…